università on line“L’università telematica è utile a”… Questa introduzione ricorda tanto gli spunti con cui iniziano i temi nelle scuole elementari, ma anche da adulti è ogni tanto utile soffermarsi a capire esattamente qual è il senso delle cose e delle opportunità esterne che ci vengono offerte dalla società di oggi.

Riguardo alle università telematiche, sulla loro importanza per studenti lavoratori e per i fuori sede che non hanno modo o tempo di recarsi tutti i giorni in facoltà per le lezioni, si è già detto tanto.
Esistono però delle “sacche” di utilità di questi atenei online, che ancora oggi sono rimaste da troppi inesplorate.

Parliamo ad esempio delle disabilità legate ai non vedenti. Quali sono le reali opportunità per queste persone di seguire un corso universitario ed arrivare alla laurea come tutti gli altri?

Sulla carta dovrebbero essere le stesse, ma andateglielo a spiegare ad un non vedente che si vuole laureare ad esempio in ingegneria presso una università statale che deve scontrarsi ogni giorno con lezioni scritte alla lavagna o su dispense cartacee.

Politica ed istituzioni fanno finta di non sapere, ma in realtà sappiamo bene che anche al ragazzo non vedente deve essere assicurato, per legge, il suo sacrosanto diritto allo studio.

Come fare?

Una ricetta in materia sembrano averla proprio le suddette università telematiche. La possibilità di erogare le lezioni via internet fa sì, ad esempio, che i contenuti prodotti dai professori in forma testuale possano essere sottoposti allo scan degli “screen reader”, ovvero dei software che tramite un sintetizzatore vocale vanno a leggere quello che c’è scritto all’intero di una pagina web.

Inoltre, anche le lezioni registrate sotto forma di video streaming meglio si adattano alla comprensione da parte di non vedenti in quanto, tramite semplici comandi di tastiera il video può essere fermato o fatto andare avanti o indietro a seconda di quelle che sono le esigenze dello studente e la velocità con cui apprende quanto spiegato online dal docente.

E tu vedi l’Università on line come un’opportunità? Dimmelo nei commenti.

Vota questo articolo
Share This