Sempre più spesso sento dalle persone che mi circondano una grande paura dell’abbandono del proprio partner o lo stato di depressione in cui cadono quando ne sono state vittime. Tutto ciò, rende difficile lo sviluppo delle future relazioni sentimentali e a volte una perenne rinuncia a conquistare una nuova ragazza o ragazzo.

Condurre una vita di relazioni insoddisfacente è frustante e deprimente, perché chi ha scaricato il mio report gratuito, “allenati alla felicità“, sa benissimo che il mio pensiero è che ognuno ha diritto alla felicità!

L’effetto pigmalione studiato in psicologia sociale all’Università è sempre in agguato quando lasciamo spazio alla paura e l’insicurezza di essere abbandonati, e come una profezia che si auto-realizza, diventa il blocco esistenziale per quello che potrebbe poi essere un vero amore da vivere a 360 gradi e non con il timore di essere mollati in ogni momento o in ogni confronto con altre/altri “concorrenti”.

Ancora peggio: la paura dell’abbandono è in grado di creare un modello in cui si attraggono coloro che poi si abbandonano.

Cosa ci succede quando sentiamo la paura?
• Siamo tesi
• Siamo troppo seriosi
• smettiamo di respirare profondamente
• Siamo legati dal punto di vista muscolare, rigidi
• Sentiamo i sbalzi di temperatura passando dal freddo eccessivo al caldo soffocante
• Ci preoccupiamo molto e diventiamo ansiosi
• Ci dimentichiamo di divertirci e come si gioca
• Vogliamo essere da qualche altra parte e non viviamo il “qui ed ora”
• Iniziamo ad attaccare chi abbiamo vicino e ci lamentiamo del mondo
• Evitiamo le persone

Rifletti un attimo, se occorre prendi carta e penna e rispondi a te stesso come ti senti in questo momento nei confronti di questi sintomi appena descritti e sei lontano dalla situazione di benessere. Vedi te stesso come ti interfacci con la paura dell’abbandono.

Verifica come influisce in te e nella tua vita – il senso di sé, la tua capacità di provare sentimenti ed emozioni. La tua capacità di essere felice, il gioire del rapporto sentimentale che si vive. La tua capacità di attrarre persone disponibili nei tuoi confronti.

Curare il problema dell’abbandono è la chiave per godersi la vita di coppia ed arrivare ad essere pronto per vivere una nuova storia d’amore.

Al fine di vincere il problema dell’abbandono è necessario:

1. Identificare e analizzare le tue esperienze precedenti che stanno alla base dei problemi. (Abbiamo vissuto direttamente o indirettamente esperienze di abbandono minorile? Abbiamo vissuto in passato esperienze di abbandono del partner o anche più di una?)

2. Identificare le tue credenze, sentimenti e bisogni reali che si sono formati in seguito a tali esperienze precedenti.

3. Costruisci le nuove credenze che ti miglioreranno la vita, le credenze potenzianti, i sentimenti e bisogni che ti porteranno un potere interiore e profondo, uno sviluppo personale duraturo. Ragiona sull’idea che per stare bene nelle tue relazioni prima devi stare bene soltanto con te stesso, soprattutto in modo solitario.

4. Creare un piano d’azione per il tuo radicale cambiamento dal vecchio al nuovo. Ciò richiede più del solito “parlare/pensare” per arrivare al “comprendere/agire” con l’aiuto del potere delle decisioni e delle azioni. Soltanto quando fai il primo passo la tua azione diventa una decisione, sei la “per strada e non puoi tornare indietro”.

5. Ritorna potenziato dal tuo piano d’azione. Connettiti con il tuo potere effettivo e potenziale. Sappi che il cambiamento è possibile. Sposta quello che ti fa pensare a rimandare decisioni, scelte e soprattutto obiettivi e trasforma i pensieri in “lo faccio tutto il giorno, tutti i giorni”.

Ma che cos’è che continua a creare rapporti dolorosi oppure li blocca fin dall’inizio?

La risposta è certamente unica per ogni persona. Eppure, allo stesso tempo, ci sono molti problemi comuni che condividiamo: insicurezza personale, gelosia ossessiva, senso di inferiorità rispetto al partner, assenza di altri interessi, annullamento della propria personalità ad appannaggio del partner, etc.

Quali sono le convinzioni/credenze negative a supporto dei tuoi problemi dell’abbandono?
Le credenze sono pensieri che esprimono una sensazione di certezza e naturalmente, fanno sembrare vere. Le tue convinzioni hanno una enorme (e dico ENORME) influenza sulle tue esperienze. Ad esempio: se perdo il partner non riuscirò ad avere più uno scopo di vita, nessun altra persona potrò amare dopo di lui/lei, mi lascerà come hanno fatto i/le partners precedenti, etc. Tuttavia, le tue esperienze non si possono più cambiare, ma le credenze si.
Se cerchi di rompere uno schema che vedi in te stesso, devi andare più a fondo nelle relazioni romantiche. E’ probabile che il modello ha cominciato nella tua infanzia.
I tuoi problemi sono radicati nell’esperienza e nella realtà della vita passata…
Stai attento a come ti parli perché se continui così rischi di farti del male per tutta la vita. Pensaci.

Mi sembra giusto, concludere questo articolo precisando che non posso affermare che ci siano delle soluzioni immediate e certe, se l’avessi fatto, sarebbe giusto avere dello scetticismo. Comunque, io sono convinto che i cambiamenti possono passare da negativi a modelli positivi. Questi cambiamenti intervengono dall’interno verso l’esterno nella tua mente in primis sino alla tua vita e alle tue relazioni.


CLICCA QUI PER SCARICARE IL MANUALE OTTIENI LA TUA AUTOSTIMA!


 

Vincere la paura dell’abbandono del partner
4.43 (88.57%) 28 votes
Share This