Fino a non molto tempo fa del termine etica si parlava prevalentemente in associazione ad alcune professioni, personaggi particolari o alcune questioni delicate.

Oggi è un termine che sta diventando decisamente più diffuso nella quotidianità, soprattutto nell’ambito lavorativo e in particolare riguardante l’immagine pubblica delle aziende, dove sempre più viene evidenziato come elemento importante influente nella scelta delle preferenze degli utenti e consumatori: basti pensare alle aziende che sottolineano la produzione priva del lavoro minorile, priva della sperimentazione sugli animali o con l’attenzione all’ambiente, per dirne alcuni esempi.

Ma cos’è in realtà l’etica?

Spesso viene considerata il sinonimo o equiparata alla morale, con la quale ha dei punti in comune ma sono comunque concetti distinti. È una tematica tutt’altro che nuova, già Aristotele intorno agli anni 350-320 avanti Cristo ne dedicò ben 10 libri (conosciuti con il nome di Etica Nicomachea), sostenendo che ogni azione e ogni scelta, tendono a un qualche bene.

Il termine etica è derivante dal greco antico “èthos” con significato di “carattere”, “comportamento”, “costume”, “consuetudine”. Già l’etimologia stessa evidenzia il riferimento sia alla riflessione che all’azione/comportamento.

È una branca della filosofia con l’applicazione pratica ai comportamenti, dove la riflessione riguarda non tanto la questione di efficacia o di piacevolezza, quanto la questione di buono/cattivo o giusto/ingiusto quali criteri del giudizio in ogni determinata situazione.

In tutto ciò, quel che conta è l’intenzione con la quale un atto viene compiuto o meno, mentre nella morale l’attenzione è posta più sull’aspetto formale dell’effettivo comportamento.

L’attenzione dell’etica è posta più sui valori, e quella della morale più sulle norme. Se la morale considera norme come dati di fatto, l’etica si chiede intimamente il perché di ogni norma nelle singole situazioni e modula l’azione di conseguenza.

Alcune professioni hanno un codice etico come fulcro importante dell’esercizio, come per esempio medico, psicologo, giudice e quasi tutte le professioni assistenziali.

Anche oltre il rapporto lavorativo, nella quotidianità, l’etica infatti regola il rapporto con gli altri e quindi la vita sociale, ma bisogna sottolinearlo, in un’accezione individuale, interiore, intima.

Quando si tratta di questioni etiche, si è in fondo sempre a tu per tu con sé stessi.

Ciascuno di noi, che ne sia consapevole o meno, ha una propria etica comportamentale basata sui valori importanti per noi. La propria etica personale viene prima dell’etica a qualsiasi livello sociale. La propria etica è quel che guida il comportamento anche quando non ci vede nessuno.

L’etica personale contiene la risposta alle domande:
“Cosa è molto importante per me?”
“Che cosa invece non sento di appartenermi come valore?”
“Su che cosa posso chiudere un occhio?”
“Che cosa invece ritengo inammissibile?”

I valori che ci guidano fanno sì che ci sentiamo a nostro agio in certi ambienti e con certo tipo di persone e in altri no, ed anzi non ne veniamo neanche in contatto. Quando si tratta delle persone con l’etica personale troppo diversa, i conflitti sono inevitabili ed è difficile collaborare a qualsiasi livello. Anche le aziende oggi spesso nel momento di scegliere il personale da assumere verificano la corrispondenza di valori etici. Nella scelta del partner la sintonia dei valori etici è indispensabile per la possibilità di costruire un rapporto a lungo termine. Nelle amicizie è un po’ meno necessaria la stretta corrispondenza dei valori, ma comunque non possono divergere più di tanto.

È bene intanto cominciare a riflettere sulla propria etica personale.

Alcuni valori tra cui scegliere quelli corrispondenti alla nostra interiorità:
Affetti/amore, Altruismo, Privacy, Onestà, Ambizione, Piacere, Avventura, Famiglia, Potere, Cambiamento, Indipendenza, Integrità, Religione, Competizione, Prestigio, Reputazione, Armonia, Riconoscimento, Rispetto, Cooperazione, Responsabilità, Coscienza ecologica, Lealtà, Stabilità, Creatività, Conoscenza, Leadership, Serenità, Democrazia, Eccellenza, Natura, Salute, Efficienza, Emozione, Saggezza, Fama, Ordine, Sicurezza, Denaro, Verità, Amicizia, Sviluppo personale, Pace, Compassione.

E tu, qual è la tua etica personale? Raccontami nei commenti!

CHIUDI
CHIUDI
Share This