donna in crisi esistenzialeLa crisi esistenziale è uno di quei fenomeni problematici che sembrano estranei alle condizioni materiali in cui viviamo.

Può apparire in qualsiasi momento della vita, colpisce anche persone con ampie risorse economiche e può anche essere sperimentata da donne e uomini apparentemente di successo con una buona immagine sociale.

In effetti, puoi avere tutto ciò che la civiltà occidentale considera come obiettivi fondamentali della vita umana, come ricchezza, amore e conoscenza, ma la crisi esistenziale continuerà a essere lì, inesorabile.

Quando i vecchi schemi mentali non funzionano più, la persona che soffre di una crisi esistenziale sente di non conoscere la strada da seguire nella vita, né può visualizzare gli obiettivi che deve perseguire per raggiungere l’autorealizzazione personale.

Questo può essere molto drenante dal punto di vista mentale e causare disagio psicologico se la situazione non viene risolta correttamente.

Al contrario, se l’individuo supera questa fase della vita, percepisce di essere cresciuto come essere umano e di essere ora un’altra persona più forte e più preparata ad affrontare le difficoltà che possono presentarsi quotidianamente.

Crisi esistenziale: E ora… cosa ne faccio della mia vita?

La crisi esistenziale si manifesta con intensi sentimenti di disagio psicologico quando l’individuo inizia a mettere in discussione le ragioni della propria esistenza.

Si può anche dire che la crisi esistenziale è, in fondo, una crisi di identità.

Si verifica quando tutto ciò che pensavamo fosse sotto controllo cessa di essere. La nostra visione del mondo è inaspettatamente offuscata e la nostra visione della vita deve essere aggiornata perché non è aggiornata.

Allora ci chiediamo: cosa ci faccio qui? o qual è il significato della mia vita? Qualcosa che fino ad ora ci sembrava di avere molto chiaro.

Quasi senza rendercene conto, una nuova alba ci avvolge e dobbiamo lasciare la zona di comfort per affrontare la nuova realtà.

Le crisi esistenziali ci portano all’auto-riflessione, e suppone un costo emotivo perché le risorse che avevamo sempre non servono più.

Durante questo periodo di introspezione, abbiamo messo in discussione aspetti della vita che fino ad ora non ci riguardavano più di tanto.

D’altra parte, la crisi esistenziale ha anche conseguenze osservabili nel nostro modo di comportarci.

Generalmente, o crea apatia e disinteresse nello svolgere attività che non siamo obbligati a fare per le nostre responsabilità, oppure ci lanciamo a provare nuove esperienze in modo quasi disperato, con l’intento di riempire il nostro vuoto attraverso sensazioni che ci tengono distratti.

Ti è mai successo?

Entrambi i modelli di comportamento possono raggiungere l’estremo di essere dannosi, poiché se diventano l’asse centrale della nostra vita, possono lasciare il posto a un disturbo depressivo e/o dipendenze.

Quando sentiamo di non avere risorse sufficienti per uscire da questo vuoto esistenziale, l’ansia non ci fa dormire finché non troviamo la risposta, cioè finché non troviamo una soluzione che ci faccia ritrovare la pace interiore e che ci aiuti a visualizzare di nuovo la strada da percorrere.

Questa via da seguire si riferisce al recupero della propria identità e del proprio impegno verso se stessi. Si tratta di ritrovare il significato della nostra vita.

Conseguenze della crisi esistenziale

La crisi esistenziale può causare un cambiamento radicale nella nostra vita, in quanto può essere un’opportunità per reinventarci e per fissare nuovi obiettivi.

Ma quando la persona che soffre di una crisi esistenziale entra in una spirale negativa in cui pensa di non avere risorse sufficienti per superarla, può finire per soffrire in modo atroce.

La tristezza è uno stato d’animo da elaborare per non rischiare che si trasformi in vera e propria sofferenza senza fine!

Non tutti vivono le crisi allo stesso modo: alcuni possono sperimentarle per alcuni giorni, altri per alcune settimane e altri per qualche mese o di più.

Quando la crisi della propria esistenza è risolta in modo soddisfacente, si sente di essersi riconnesso con se stesso e ci ha portato una vera e propria ristrutturazione del proprio modo di pensare.

A sua volta, puoi cambiare le vecchie abitudini disfunzionali con altre più produttive e puoi ritrovare il benessere.

Quando la persona che soffre di una crisi esistenziale sviluppa un’immagine negativa di se stessa, del mondo e del futuro e si abbandona alle sue convinzioni limitanti sulla vita;

Oppure, quando hai una bassa autostima o una mancanza di fiducia nelle tue risorse, puoi portarti alla disperazione, all’impotenza appresa, alla depressione autoindotta.

Il modo per affrontare la crisi esistenziale è diverso in ogni individuo, poiché il percorso da seguire per superarla è un percorso di scoperta e crescita personale, che richiede volontà di sé e conoscenza di sé.

Gli individui che sono coinvolti in questa crisi hanno bisogno di cambiare la loro visione del mondo, poiché hanno schemi cognitivi distruttivi e pessimistici.

Se vuoi cambiare i tuoi schemi mentali, migliorare te stesso ed il rapporto con gli altri prenota subito delle sessioni di Coaching on line con il Mental Coach Pierluigi D’Alessio!

 

CHIUDI
CHIUDI
Share This