Cos’è il biohacking?

Vorrei darti una sola risposta a questa domanda. Ma credo sia impossibile!
Per come la vedo io: il biohacking è un movimento che mira a ottimizzare il nostro corpo e le nostre prestazioni combinando le conoscenze della biologia, della tecnologia, della ricerca olistica e della sperimentazione personale.
Come dimostra l’epigenetica, la nostra biologia non condiziona il nostro destino, ma il nostro contesto sì.

Un biohacker può essere qualcuno che ha deciso di sapere come funziona il proprio corpo e di applicare alcuni consigli gratuiti e naturali per farlo funzionare meglio.

Per esagerare, può anche essere un ingegnere che inventerà e impianterà un chip che bilancia i livelli di zucchero nel sangue e condividerà il suo metodo online, accessibile a tutti.

Fondamentalmente, sta intervenendo nella nostra biologia.

I risultati del biohacking?

Migliore concentrazione, energia e capacità di ragionamento. Ideale per raggiungere un obiettivo!

Perdita di peso rapida, senza recuperarla. Il biohacking è uno stile di vita, non una dieta!

Dormire meglio: dopo una buona notte di sonno arriva un giorno di energia!

Più calma: tutti gli hack alleviano lo stress!

Pertanto:

Rapporti più sani e sereni con gli altri.

Meno dolore: tutti i trucchi riducono le nostre varie infiammazioni e alimentano i nostri mitocondri (fonti di energia del nostro corpo).

Accessibile a tutti: i suggerimenti sono accessibili o gratuiti per cui si può iniziare già adesso.

Il termine Biohacking è stato incorporato dal dizionario inglese Merriam Webster come nuovo termine nel 2018.

Deriva dall’inglese “hacker”, persone con molte conoscenze informatiche che mirano a migliorare il loro funzionamento trovando nuove combinazioni di elementi o rimuovendo quelli che causare malfunzionamenti o rallentamenti.

Il “padre” del biohacking è Dave Asprey, un americano che punta a vivere fino a 180 anni grazie agli hack che sperimenta su se stesso da diversi anni. Secondo lui, ci sono almeno 100.000 altri biohacker nel mondo.

Le basi

È un movimento inclusivo incentrato sulla libera condivisione della conoscenza contro la tendenza alla standardizzazione da una parte e alla segretezza dall’altra.

La biologia, la sua analisi e il suo intervento non sono più riservati all’élite e non sono più così costosi: ci sono corsi di formazione per imparare a leggere gli esami del sangue e agire di conseguenza, o anche aziende a cui inviare questi campioni per ricevere azioni personalizzate (ad es. Viome).

È un approccio olistico: possiamo comprendere un fenomeno solo dalla comprensione di tutte le sue interconnessioni.

Nell’approccio del biohacking, ad esempio, può capitare che un medico interagisca con sviluppatori che, a contatto con maestri di meditazione e fisici, trovano una nuova voce di comprensione e cura di un fenomeno biologico.

Un biohack accessibile a tutti consiste nel mettere i nostri piedi nudi a contatto con la terra (prato, sabbia, terra) per almeno 15 minuti al giorno.

Questa semplice azione porta a enormi benefici: elimina o riduce significativamente il dolore, migliora il sonno, migliora l’energia, aumenta la produzione di melatonina, normalizza la secrezione dell’ormone cortisolo, diminuisce lo stress, migliora l’umore, (per chi è troppo perfetto e razionale questo esercizio lo farà allenare ad uscire dagli schemi nel piccolo disagio), riduce i sintomi dell’osteoporosi e migliora la funzione renale.

Un biohack più estremo: un dispositivo che imita le onde cerebrali e le provoca, quindi se hai bisogno di essere concentrato, felice o calmo, dillo e stimolerà il tuo cervello ad adattarsi a questo stato.

Nel mio caso, per una questione di principio (mi piace farlo da solo!) e di budget (mi piace che le soluzioni siano accessibili a tutti) mi concentro su biohack semplici e accessibili. Niente caschi o saune in casa, ma perché non provarci?

Quali miglioramenti interni ed esterni possiamo applicare con il Biohacking?

1.CIBO

Questo è il principale. “Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei” funziona alla grande qui. Purtroppo abbiamo sviluppato un’industria che è molto più interessata a vendere che a portare benessere alla nostra salute.

Non esiste una ricetta giusta per tutti. Il cibo sarà molto nutriente per alcuni e potenzialmente tossico per altri. Tutto dipende dalla nostra biologia, dalla nostra storia e dal nostro contesto attuale.

Ciò che mangiamo influisce sulle prestazioni del nostro cervello, del nostro corpo, del nostro sonno e ha implicazioni per aspetti apparentemente meno correlati come le nostre relazioni: quando siamo stressati siamo meno tolleranti verso gli altri.

Alcuni alimenti sono ricchi di sostanze nutritive, ma se li grigliamo, li rendiamo tossici. Altri come la quinoa hanno molte virtù, ma sono anche costituiti da antinutrienti che servono naturalmente a proteggersi dalle minacce (insetti, agenti atmosferici, animali) e sono piuttosto tossici per l’uomo.

2.IL SONNO

Dormire bene è importante tanto quanto mangiare bene. La qualità del nostro sonno rende la nostra energia per il giorno successivo. Ad esempio, durante questo periodo il nostro corpo regola i nostri livelli di zucchero nel sangue. Dopo una brutta notte di sonno, ci svegliamo sentendo il bisogno di compensare mangiando cibi ricchi di zucchero.

Quando il sonno scarso diventa cronico, alla fine acquisiamo familiarità con la foschia mentale che lo accompagna e crediamo che sia la nostra “natura” perdere le parole, dimenticare le cose, non raggiungere i nostri obiettivi.

Esistono applicazioni come Sleep Cycle per analizzare i risultati dei nostri biohack sul nostro sonno.

3.ATTIVITÀ FISICA

Una grande scoperta per chi non ama fare esercizio è che non devi fare un’ora e mezza di cardio al giorno per avere un corpo sano.

Come in tutti i contesti, tutto dipende dal nostro obiettivo. Se vuoi perdere peso velocemente, senza entrare in una dieta frustrante e triste e senza fare un’ora di sport al giorno perché magari non piace. E credo che la frustrazione possa essere molto più tossica di qualsiasi altro comportamento.

Quindi sì, ci sono trucchi per coloro che vogliono costruire una massa muscolare significativa entro un mese o per quelli come me che vogliono fare il minimo necessario per rimanere in salute.

4.LA LUCE

Uno degli aspetti che più mi ha colpito è stato l’impatto della luce. La prima scoperta è stata osservare gli effetti della “luce spazzatura” con cui siamo quotidianamente a contatto e che ci inebria allo stesso modo del mangiare al fast food.

La seconda: quanta scarsa conoscenza e/o consapevolezza abbiamo della luce come nutriente! Quest’ultimo ci fornisce informazioni essenziali per orientarci nello spazio e nel tempo, dice ai nostri mitocondri quando produrre energia o quando stare a riposo, e ci permette di sincronizzare il nostro ritmo con quello del sole.

La luce naturale del sole ci aiuta a dormire meglio regolando le nostre secrezioni di melatonina e serotonina, funzionano meglio durante il giorno e prevengono la degenerazione maculare precoce.

5.L’AMBIENTE

Quando hai iniziato ad occuparti di tutto il resto del tuo “stile di vita”, puoi agire sul tuo ambiente interno ed esterno.

Se il nostro corpo è stressato perché mangiamo un alimento a cui siamo sensibili, rimane in uno stato di costante allerta. Infatti, più il nostro corpo si sente vulnerabile, più raggiungerà la zona di sensibilità e vigilanza per difendersi da eventuali attacchi esterni.

Questo stato di stress, spesso inconscio, implica che al minimo movimento o rumore che percepiamo (anche a distanza), la nostra attenzione “devia” il tempo dell’analisi. Sappiamo da alcuni studi che il tempo medio di concentrazione è di 23 minuti. Lascia il telefono acceso e saluta la concentrazione!

Se siamo esposti alle luci che stressano i nostri occhi (ad esempio adesso c’è un utilizzo eccessivo di luci fredde per l’illuminazione artificiale ma è sempre rilassante?), magari ci sentiremo anche stanchi, poiché i nostri corpi spendono molta più energia per elaborare quella luce.

Se il contesto fisico non è adatto (rumore, cattiva postura, scarsa ventilazione), questo avrà conseguenze anche sulla nostra concentrazione.

6.CONCENTRAZIONE ED ENERGIA

Ogni essere umano possiede circa 1 quadrilione di piccoli organelli chiamati “mitocondri” che sono responsabili della generazione, insieme all’ossigeno e al cibo, di energia e la trasportano in tutto il nostro corpo. Se i nostri mitocondri stanno bene e sono felici, tutto il nostro corpo sta bene.

Al contrario, se stressiamo i nostri mitocondri (come quelli dei nostri occhi quando li esponiamo alla luce artificiale), tutti i nostri mitocondri diventano sotto stress e diminuiscono la loro produzione di energia.

Possiamo mangiare il cibo più sano, ma se quegli organelli non sono abbastanza in forma per trasformarlo in energia, non ha senso.

Tutto ciò che faremo per intervenire nei nostri contesti di vita ha un impatto sul resto.

Per esempio:

Una volta violato e migliorato il nostro sonno, influisce automaticamente sui nostri livelli di energia e concentrazione. Se siamo concentrati, possiamo concentrarci su ciò che ci interessa davvero. Se ci concentriamo, siamo in grado di muoverci verso i nostri obiettivi e questa soddisfazione alla fine riduce i nostri livelli di stress. Una persona meno stressata lavora meglio. Meglio dormo, meglio lavoro e con più energia. Qualunque cosa intraprenda, ci arrivo più velocemente (il che implica più tempo per me) oppure riesco a fare di più (il che implica più soddisfazione e più riconoscimento, quindi migliore stima e rapporti più armoniosi con gli altri).

Questo circolo virtuoso non si ferma mai.

Entusiasmo + concentrazione + energia: vuol dire raggiungere tutti i tuoi obiettivi quotidiani ma anche quelli più ambiziosi che avrai scritto ad inizio anno!

Allora da dove inizierai? Dimmelo nei commenti!

5/5 - (8 votes)
CHIUDI
CHIUDI
Share This