Crescere i figli è uno dei compiti più difficili e soddisfacenti al mondo e per il quale potresti sentire di non essere preparato.

Ecco i 10 principi che possono aiutarti a sentirti più soddisfatto come genitore e a divertirti di più con i tuoi figli:

1. Aumenta l’autostima di tuo figlio

I bambini iniziano a sviluppare il proprio senso di sé già da subito, quando si vedono attraverso gli occhi dei genitori. I tuoi figli percepiscono il tuo tono di voce, il tuo linguaggio del corpo e tutte le tue espressioni. Le tue parole e le azioni come genitore influenzano lo sviluppo della loro autostima più di ogni altra cosa. La lode per i risultati, anche piccola, renderà i bambini conspevoli delle proprie abilità.

Consentire loro di fare le cose da soli li farà sentire capaci e forti. Al contrario, commenti umilianti o confronti negativi con altri bambini li faranno sentire inutili.

Evita affermazioni principali o parole offensive. Commenti come “Che stupido!” o “Ti comporti ancora come un bambino più piccolo del tuo fratellino minore!” possono causare lo stesso danno dei colpi fisici.

Scegli le tue parole con attenzione e sii compassionevole.

Trasmetti ai tuoi figli la consapevolezza che tutti commettono errori e sempre si può sbagliare ma che li amerai in ogni caso, anche quando non approvi il loro comportamento.

2. Riconosci le buone azioni

Ti sei mai fermato a pensare quante volte al giorno hai reazioni negative nei confronti dei tuoi figli?

Potresti scoprire che li critichi molte più volte di quanto non mostri apprezzamento. Come ti sentiresti se un capo ti trattasse sempre in modo così negativo, anche se con buone intenzioni? Te lo dico io: malissimo!

L’approccio più positivo è riconoscere le buone azioni dei bambini: “Hai rifatto il letto senza che te lo chiedessi, è fantastico!” oppure “Ti stavo guardando mentre giocavi con tua sorella ed eri molto paziente.”

Questi commenti saranno molto più efficaci nell’incoraggiare un buon comportamento a lungo termine rispetto ai continui rimproveri.

Impegnati a trovare qualcosa da lodare ogni giorno.

Sii generoso con le ricompense: il tuo amore, i tuoi abbracci e le tue lodi possono fare miracoli e spesso sono abbastanza gratificanti. Presto scoprirai che stai “coltivando” più comportamenti che vuoi vedere.

3. Stabilire dei limiti ed essere coerenti con la disciplina

La disciplina è necessaria in tutte le case. L’obiettivo della disciplina è aiutare i bambini a scegliere comportamenti accettabili e ad apprendere l’autocontrollo. Possono sfidare i limiti che hai stabilito, ma sono essenziali per diventare adulti responsabili.

Stabilire le regole della casa aiuta i bambini a comprendere le tue aspettative ea sviluppare autocontrollo. Alcune regole possono includere, ad esempio, non guardare la televisione fino a quando non siano finiti i compiti e non consentire botte, insulti o prese in giro offensive.

Implementa questo sistema ad esempio: un avvertimento seguito dalle conseguenze, che potrebbero essere una penitenza o una perdita di privilegi. Un errore comune che i genitori commettono è non portare a termine le conseguenze. Non puoi rimproverare i bambini per una cattiva risposta un giorno e ignorare il fatto il giorno successivo. Essere coerenti insegna loro cosa ti aspetti.

4. Dedica del tempo ai tuoi figli

Spesso è difficile per genitori e figli riunirsi per un pranzo in famiglia, figuriamoci trascorrere del tempo insieme.

Tuttavia, probabilmente non c’è niente che i bambini vorrebbero di più.

Alzati 10 minuti prima al mattino per fare colazione con i tuoi bambini o lasciare i piatti nel lavandino e fare una passeggiata dopo cena.

I bambini che non ricevono l’attenzione che desiderano dai loro genitori spesso reagiscono in modo eccessivo o si comportano male perché così facendo sono sicuri che riceveranno la loro attenzione.

Molti genitori trovano gratificante programmare del tempo da trascorrere con i propri figli.

Programma una “giornata speciale” ogni settimana per stare insieme e lascia che i tuoi figli ti aiutino a decidere come trascorrere il tempo.

Trova altri modi per legare, ad esempio, metti un biglietto o qualcosa di speciale nelle tasche dei bambini.

Gli adolescenti sembrano aver bisogno di meno attenzioni individuali da parte dei genitori rispetto ai bambini più piccoli. Poiché ci sono meno opportunità per genitori e adolescenti di trascorrere del tempo insieme, i genitori dovrebbero fare del loro meglio per essere disponibili quando i loro figli esprimono il desiderio di parlare o partecipare alle attività familiari.

Assistere a concerti, giochi e altri eventi con tuo figlio è un modo per trasmettere affetto e ti consente di conoscere altre cose importanti su tuo figlio e sui suoi amici.

Non sentirti in colpa se sei un genitore che lavora. I bambini ricorderanno le piccole cose che fai, ad esempio, preparare i popcorn, giocare a carte, guardare la tv insieme.

5. Sii un buon modello di comportamento

I bambini piccoli imparano molto su come agire guardando chi se non i loro genitori. Più sono piccoli, più li imitano. Prima di reagire in modo aggressivo o arrabbiarsi di fronte a tuo figlio, pensa: è così che vuoi che si comporti tuo figlio quando è arrabbiato?

Sii sempre consapevole che i tuoi figli ti stanno guardando. E’ dimostrato che i bambini che utilizzano la violenza per esprimersi, generalmente imitano il modello di aggressività appreso in casa. Pertanto ricordati che un adulto violento è stato un bambino che da qualche parte ha appreso la violenza!

Date l’esempio delle qualità che volete coltivare nei vostri figli: rispetto, cordialità, onestà, gentilezza, tolleranza. Sii generoso.

Fai le cose per gli altri senza aspettarti nulla. Esprimi il tuo apprezzamento e lode. Soprattutto, tratta i tuoi figli nel modo in cui ti aspetti che gli altri ti trattino.

6. Rendi la comunicazione una priorità

Non puoi aspettarti che i bambini seguano te stesso solo perché tu come genitore “lo dici”.

Vogliono e meritano spiegazioni proprio come gli adulti. Se non ci prendiamo il tempo per spiegare, i bambini inizieranno a mettere in discussione i nostri valori e le nostre motivazioni. I genitori che ragionano con i loro figli permettono loro di capire e imparare senza dare giudizi di valore.

Rendi chiare le tue aspettative. Se c’è un problema, descrivilo, esprimi i tuoi sentimenti e invita tuo figlio a trovare una soluzione insieme. Assicurati di menzionare le conseguenze.

Dai suggerimenti e offri alternative. Inoltre, sii disposto ad ascoltare i suggerimenti di tuo figlio. Negoziare. I bambini che partecipano al processo decisionale sono più motivati ​​a portare avanti le proprie idee.

7. Sii flessibile e disposto ad adattare il tuo stile genitoriale

Se il comportamento di tuo figlio spesso ti delude, potrebbe essere perché le tue aspettative non sono realistiche.

Per i genitori che pensano a “cosa fare” (ad esempio, “Mio figlio dovrebbe lasciare il pannolino ormai!”), può essere utile leggerlo o parlare con altri genitori o specialisti dello sviluppo del bambino.

L’ambiente che circonda i bambini ha un impatto sul loro comportamento; pertanto, è possibile modificare tale comportamento modificando l’ambiente.

Se devi dire continuamente “no” al tuo bambino di 2 anni, trova un modo per modificare l’ambiente in modo che ci siano meno cose proibite. Questo sarà meno frustrante per entrambi.

Man mano che tuo figlio cambia, dovrai modificare gradualmente il tuo stile genitoriale.

Ciò che è efficace per tuo figlio oggi, molto probabilmente non sarà altrettanto efficace tra un anno o due.

Gli adolescenti tendono a cercare più modelli di comportamento nei loro coetanei e meno nei loro genitori.

Tuttavia, assicurati di guidare e incoraggiare il tuo adolescente e di fornire una disciplina adeguata, mentre, allo stesso tempo, gli permetti di diventare più indipendente. E approfitta di tutti i momenti che hai per stabilire una relazione.

8. Mostra che il tuo amore è incondizionato

In qualità di genitore, hai la responsabilità di correggere e guidare i tuoi figli.

Tuttavia, il modo in cui esprimi la tua guida correttiva ha una grande influenza sul modo in cui un bambino la riceve.

Quando devi confrontarti con tuo figlio, evita di incolpare, criticare o cercare colpe; tutto ciò può indebolire l’autostima e provocare risentimento.

Impegnati nell’educare e incoraggiare, anche quando riprendi i tuoi figli. Assicurati che sappiano che, sebbene tu voglia e speri in meglio la prossima volta, il tuo amore è incondizionato.

9. Ascolta di più di quanto parli

Troppe persone sono ancora concentrate di più nel parlare invece di ascoltare. Questo principio non ti farà crescere e migliorare! Con i figli vale la stessa regola: ascolta di più di quanto parli!

I bambini ed i ragazzi hanno un gran bisogno di essere ascoltati e se vedranno in te un “porto sicuro” dove far approdare i loro problemi e i loro dubbi, vedranno in te una persona autorevole su cui poter contare nel momento del bisogno.

10. Sii consapevole dei tuoi bisogni e dei tuoi limiti come genitore.

Ammettilo: non sei un genitore perfetto. Hai punti di forza e di debolezza. Riconosci anche le tue capacità: “Sono amorevole e dedito”.

Prometti di lavorare sulle tue debolezze: “Devo essere più coerente con la disciplina”.

Cerca di avere aspettative realistiche per te stesso, il tuo coniuge e i tuoi figli. Non è necessario conoscere tutte le risposte: concediti il diritto di sbagliare e fare meglio.

E cerca di rendere la genitorialità un lavoro gestibile. Concentrati sulle aree che richiedono maggiore attenzione, piuttosto che cercare di affrontare tutto in una volta. Ammetti quando ti senti esausto. Prenditi del tempo per te stesso per fare cose che ti faranno sentire felice come persona (o come coppia).

Concentrarti sui tuoi bisogni significa semplicemente che ci tieni al tuo benessere, al tuo stare bene, questo è senza dubbio un altro valore importante che i tuoi figli devono prendere come esempio da seguire.

Se ti è piaciuto il post, scrivimi qualcosa di te e della tua esperienza genitoriale nei commenti!

CHIUDI
CHIUDI
Share This