La vita è un cambiamento continuo che tu lo accetti o meno, alcuni cambiamenti sono più facili e altri più difficili.

Alcune persone li accettano più liberamente, addirittura li accolgono e cavalcano il cambiamento, altri individui invece generano una profonda resistenza, spesso anche inconscia.

La resistenza al cambiamento genera conflitti davvero irrisolti tra la nostra parte razionale ed emotiva, tra ciò che vogliamo e ciò che dobbiamo, tra ciò che ci spinge e ciò che ci ferma.

Quante volte hai iniziato la dieta ma dopo qualche settimana hai mollato?

Vogliamo parlare della palestra? Magari ti sei iscritto e dopo neanche un mese hai iniziato a raccontarti mille scuse per non andare più…

Purtroppo il nostro lato emotivo è un cavallo troppo spesso selvaggio e il lato razionale è il suo cavaliere.

Il desiderio del cavallo è quello di una gratificazione immediata che si oppone alla forza di volontà del cavaliere di contenere l’impulso e vedere di più a lungo termine, pianificare e pensare oltre il momento.

Per raggiungere un obiettivo avremo bisogno di apportare modifiche, e ciò richiede la pianificazione e la direzione del cavaliere, l’energia e la determinazione del cavallo. Se avessimo solo il cavaliere avremmo comprensione senza la spinta motivazionale. Se avessimo solo il cavallo avremmo passione ma senza direzione.

Quindi mettiamo insieme il cavaliere ed il cavallo come lo yin e yang e seguiamo queste 6 strategie che supereranno qualsiasi resistenza al cambiamento:

 

1.- OBIETTIVO

Al fine di promuovere il cambiamento e fare in modo che il cavallo metta tutta la sua energia verso di esso, è necessario stabilire obiettivi che siano emotivamente attraenti pur essendo ben definiti, altrimenti il ​​cavaliere cercherà di colmare le lacune generate dall’ambiguità, ritardando qualsiasi tentativo di modifica.

Chi lavora con me sa benissimo quanto sia fondamentale fare il lavoro della Ruota della vita, perché l’obiettivo deve fissarsi, deve attirarti, deve agganciarti e allo stesso tempo deve avere un significato chiaro per te, senza crepe, senza interpretazioni o lacune .

2.-CHIAREZZA DEGLI OBIETTIVI

L’ambiguità è cattiva, genera ansia, resistenza e paralisi. Quindi l’obiettivo e gli obiettivi devono essere tradotti in poche azioni e concrete, chiare e semplici. Se stabiliamo troppe opzioni, solo analizzandole e dovendo scegliere tra di esse, si genererà più resistenza al cambiamento.

3.- VISIONE

Il cambiamento è generato dalla motivazione, dal movimento, dall’azione, dal comportamento. Perché qualcuno si muova, non devi dargli ragioni, devi dargli la visione del luogo che troverà dopo il cambiamento: la visione del beneficio da ottenere, o la visione della situazione negativa che vivrà se non lo lascia. Ecco perché dobbiamo iniziare generando una visione di speranza e di speranza di ciò che può essere ottenuto dopo il cambiamento, o scomodo, inquietante e fastidioso di ciò che vivrà se non cambia. Ciò dipenderà dal fatto se la motivazione della persona è quella di avvicinarsi al positivo o allontanarsi dal negativo.

4.- PASSO DOPO PASSO

Concentrarsi su un singolo risultato che richiede poco investimento di tempo si sposta più per cambiare che impostare grandi risultati nel tempo. Si tratta di progettare ogni azione in modo che la sua attuazione non richieda troppo tempo e implichi l’ottenimento di un risultato che avvicini l’obiettivo. Quando una persona raggiunge un risultato, è più motivata a continuare a provare nuove azioni per continuare sulla strada verso l’obiettivo finale.

La cosa più difficile all’inizio di qualsiasi processo di cambiamento è far muovere le persone, quindi un piccolo passo è preferibile ad un grande passo. Stabilire di smettere di vivere non equivale a concentrarsi sul non fumare per le 24 ore successive, e il giorno successivo per le 24 ore successive e così via. Questa è una delle chiavi per educare la nostra volontà, il miglior alleato che abbiamo di fronte alla resistenza al cambiamento.

5.- VALORI

Il cambiamento deve essere rispettoso dei nostri valori di identità. Il cambiamento non è solo una questione di pro e contro per trovare l’opzione che ci dà più soddisfazione, più profitti o meno perdite. Nel cambiamento c’è una componente emotiva molto importante dell’identità.

È importante includere domande come chi sono io nel processo di modifica? Cosa c’entra questa opzione con me? Cosa mi esalta nel cambiamento? L’identità personale è una parte fondamentale del processo decisionale e quindi della decisione e dell’azione per il cambiamento. Se il cambiamento o l’azione che ci conduce ad esso si scontrano, attaccano, non si adattano all’identità della persona, è un cambiamento destinato al fallimento.

6.- LA PIRAMIDE DELLA RESISTENZA

Obiettivi attraenti, azioni concrete e semplici, visione del cambiamento, micro-obiettivi e coerenza con la nostra identità sono fattori chiave per ottenere cambiamenti di successo, ma non abbastanza. Come ho fatto all’inizio di questo post, ogni cambiamento genera resistenza e devi sapere come lavorare in ognuno di essi per promuovere il cambiamento. Esistono tre livelli di resistenza personale al cambiamento: non conoscere, non essere in grado, non volere, che richiedono diverse azioni per superarli.

C’è una convinzione generale sul cambiamento: “le persone non cambiano perché non vogliono”, ma molte volte ci sono altre fasi precedenti che devi sapere per lavorare correttamente. Non è lo stesso lavorare una resistenza al cambiamento derivata dal NON CONOSCERE cosa cambiare o come farlo, piuttosto che lavorare una resistenza al cambiamento derivata dalla convinzione limitante che NON PUOI cambiare.

• Non sapere: molte volte le persone non cambiano perché non sanno che devono cambiare, non sono consapevoli del loro bisogno di cambiamento o non sanno come effettuare tali cambiamenti. In questi casi c’è un ritardo inconscio del cambiamento che ci mantiene nella nostra zona sicura di comfort.

A questo livello di resistenza, è necessario aumentare la consapevolezza della necessità del cambiamento, fornire linee guida chiare su come il cambiamento può essere realizzato e far vedere alla persona l’impatto del cambiamento in termini personali.

• Non essere in grado: succede altre volte che le persone non cambiano perché credono di non poterlo fare e per questo motivo non provano nulla per raggiunge il cambiamento. Se una persona non crede di avere le risorse e le capacità necessarie per svolgere un’azione o non ha sufficiente fiducia nel raggiungimento di un obiettivo, non avrà produttività per il cambiamento.

A questo livello di resistenza, si deve lavorare sull’autoefficacia, identificando i risultati passati e le risorse utilizzate, aumentando così il livello di fiducia. Devi lavorare sull’autoconoscenza personale per identificare risorse, punti di forza, abilità e conoscenza e vedere quali possono aggiungere valore nel processo di cambiamento, identificando anche quelli che non hai e esplorando le opzioni per ottenerli o compensarli.

• Non volere: ci sono casi in cui il cambiamento resiste perché la persona non è realmente impegnata. Quella mancanza di impegno nel profondo è una questione di equilibrio tra profitti e perdite. Chiunque investirà i propri sforzi in un processo di cambiamento deve vedere chiaramente che ciò che otterrà dopo averlo compensato, generando un beneficio maggiore di quello che può ottenere nella situazione che già ha. Se il guadagno e il beneficio del cambiamento, per chi lo desidera, non è chiaro, sarà difficile investire in esso.

Se ci pensiamo freddamente, nessuno investe i propri soldi in un’azienda che non trarrà profitti o in azioni che genereranno perdite. Allo stesso modo, non credo che qualcuno investa il proprio tempo, energia e sforzi in un processo di cambiamento che non vede che porterà loro benefici.

In questo post ho voluto darti 6 chiavi guida per lavorare con la resistenza ai cambiamenti, ma c’è ancora molto di più su cui puoi lavorare. Sei pronto per il cambiamento? Dimmelo nei commenti.

CHIUDI
CHIUDI
Share This