La situazione che stiamo vivendo in questo momento causa Coronavirus, ha costretto molte persone a dover lavorare da casa.

Abbiamo quasi tutti vissuto più di un anno in quarantena forzata e molti hanno sperimentato lo Smart Working!

Sebbene tutti sentissimo che lo smart working o il telelavoro fosse l’opzione predominante per il futuro, sembra che abbiamo dovuto accellerare nell’attuazione di questo tipo di lavoro, un po’ più del previsto.

Le aziende si sono dovute adeguare, dal punto di vista tecnologico. Ma i lavoratori hanno anche dovuto fare un importante sforzo di adattamento, e cioè, non tutte le persone lavorano bene da casa.

A seconda della tua dimestichezza con le nuove tecnologie, della tua situazione familiare e delle tue caratteristiche personali, il telelavoro può essere una buona opzione per conciliare lavoro e vita familiare; avere orari di lavoro più flessibili, oppure può essere una significativa fonte di stress per il lavoratore.

Dipenderà in gran parte da come lo gestisci. Per questo motivo, se tocca a voi lavorare da casa, sarebbe bene che teneste conto di qualche consiglio; così puoi fare il telelavoro in modo sano.

Quali svantaggi può avere lo Smart working

Tutto nella vita ha i suoi vantaggi e svantaggi compreso lo smar tworking. Alcuni dei suoi svantaggi sono questi.

-Potresti avere problemi a impostare il tuo programma di lavoro, così come a disconnetterti da esso.

-Potresti avere difficoltà a distinguere tra tempo di lavoro e tempo libero. Con quello che potresti rispondere a messaggi o chiamate di lavoro nel tuo tempo di riposo. L’eccessiva esposizione ai media digitali è un altro svantaggio.

-Potresti anche avere stanchezza fisica e mentale, problemi di sonno e persino una sensazione di solitudine, non essere in grado di essere circondato dai tuoi colleghi mentre lavori.

Oltre a tutto quanto sopra, può apparire tecno-stress o tecno-ansia, che consiste nell’ansia che deriva dal non essere in grado di utilizzare correttamente le nuove tecnologie e connessioni.

Questo può portare a voler imparare cose nuove. Ma negli stati di stress e ansia, può portare ad un comportamento di evitamento con loro, e quindi a non essere in grado di svolgere il lavoro.

Quali competenze sono necessarie avere per lo Smart working

Come dicevo, forse non tutti sono bravi a lavorare da casa. Ci sono una serie di abilità che sarebbero importante avere, o addestrare, per poter lavorare da casa senza avere troppi problemi.

La capacità di gestire il tempo

Quando vai al lavoro, i tempi sono fissati. Hai il tuo programma per lavorare, fare le pause ed uscire. Quando lavori da casa, sei tu che devi gestire quel tempo, in modo da non esaurirti e in modo che quel tempo sia produttivo per te.

Capacità di risoluzione dei problemi

Nello Smart working, la maggior parte dei problemi che possono sorgere, dovrai risolverli da solo.

Autoregolamentazione

Sapere come regolare le proprie emozioni, oltre a saper gestire lo stress e avere la capacità di motivarsi, dal momento che lavorare a casa e da soli a volte non è così motivante, sono altre due abilità importanti per lo Smart working.

Suggerimenti per un sano Smart working

Anche se può sembrare che lavorare da casa sia qualcosa di molto semplice, non è così semplice come sembra. Alcune raccomandazioni dovrebbero essere prese in considerazione.

Ecco alcune cose che puoi fare, se lavori da casa, per rendere lo Smartworking più produttivo e meno stressante.

Scegli il giusto ambiente

Trova la tua postazione di lavoro, dove ti dedichi solo al lavoro. Non è una buona idea lavorare sul divano con una televisione accesa. Il luogo della casa che si sceglie per il lavoro, ovviamente, deve avere le condizioni di comfort, temperatura e luce adeguata.

Inoltre, sarebbe bene che tu fossi il più possibile lontano da distrazioni e rumori e, ad esempio, dalle interruzioni della famiglia.

Imposta il tuo programma di lavoro

Ma ovviamente, quel programma, che ti sei prefissato, dovrai rispettarlo. Se non lo fai, è molto probabile che ti sentirai in colpa se non lavori negli orari che hai stabilito. Ma potrebbe anche essere che se non imposti una pianificazione, lavori più del necessario.

Pianifica pause di pochi minuti durante il tuo programma di lavoro. Si consiglia di riposare alcuni minuti ad ogni orario di lavoro. Puoi lavoare per 50 minuti e riposarti 10.

Stabilisci anche il tuo programma per il tempo libero

Lavorare da casa non significa dover lavorare tutto il tempo che sei a casa. Quindi, imposta anche un programma per le attività del tempo libero, per trascorrere del tempo con i tuoi amici o con la famiglia.

Conviene anche uscire di casa almeno una volta al giorno, anche solo per comprare qualcosa o fare una passeggiata.

Dopo l’orario di lavoro, cerca di non passare troppo tempo davanti a dispositivi dotati di schermo. Ad esempio, puoi mettere il cellulare in silenzio per un po’.

Se in qualsiasi momento la tecnologia ti resiste, cerca di non disperare. Tutto, può essere appreso.

Vestiti per l’occasione

Una caratteristica negativa delle persone che lavorano da casa è quella di mettersi sempre in tuta o addirittura il pigiama! Sebbene possa non sembrare importante, cambiare i vestiti a seconda che tu sia nel tuo tempo di lavoro o nella tua vita personale è importante per dare a te stesso una regola e contestualizzare il tempo di lavoro e tempo libero.

Certo, questo non significa che dovrai metterti la cravatta anche se sei a casa, ma nemmeno con il pigiama per lavorare.

Abitudini sane e regolari

Qaundo sei in Smart working è fondamentale organizzarsi in modo tale che ci siano: orari del pasto regolare, tempo del sonno e un po’ di esercizio fisico.

Se mantieni queste abitudini, sarai in grado di lavorare da casa senza gravi danni alla tua salute.

E tu come sei organizzato con il tuo Smart working? Dimmelo nei commenti.

CHIUDI
CHIUDI
Share This