Sconfiggere l’Apatia con il Coaching

Sei spesso o qiuasi sempre buttato sul divano?
Vorresti metterti in moto ma non riesci? La tua vita inizia ad essere piena di “dovrei”, ma a fine giornata tutto quello che hai concluso è aver fatto la doccia?
Troppe volte vorresti cambiare quel comportamento che non ti piace, ma resisti al cambiamento?
Come automotivarsi?

Come abbandonare l’apatia?

Quando sei immerso nell’apatia, la pigrizia, la delusione e la demotivazione ti travolgono. Quando le forze iniziano ad abbandonarti, quando l’impotenza ti logora; inizierai a chiederti cosa puoi fare per tornare ad essere operoso e produttivo?

Leggi queste 8 pillole per sconfiggere l’apatia:

1. Il potere.

Risiede in te, è già tutto nelle tue mani e nella tua responsabilità. Non aspettare che ti venga assegnato da qualcuno o qualcosa. Lo possiedi dal giorno in cui hai visto la luce per la prima volta.

2. Forza.

In sostanza sei sviluppo, evoluzione, crescita. Nel tuo essere ci sono tutti i tuoi doni, tutta la tua forza, in attesa che tu li liberi e crei il tuo mondo.

3. Incompiuto.

Comprendi la tua essenza: “Io sono i miei progetti”. Puoi e devi tracciare il tuo destino. Niente è permanente tranne il cambiamento.

4. Apertura di mente.

Ama le parole: Stupore, Bellezza, Eleganza, Eccellenza, Rivoluzione… e tutte quelle che ti “sollevano” da quello stato di tristezza e sconforto. Smettila di giudicare ogni sensazione che hai per associarla ad una condizione negativa!

5. Godere.

Pensi di doverti divertire. La gioia e l’umorismo traboccano da ciascuna delle attività, le relazioni che intraprendi, fanno parte della tua essenza.

6. La mattina.

Vuoi rialzarti perché sai che stai per affrontare nuovi progetti, nuove proposte. Le idee c’erano, solo la paura le nascondeva, le nascondeva, liberale dal primo momento in cui apri gli occhi!

7. Colore.

Ama i cambiamenti di luce, ama i cambiamenti del tempo. Scopri che una parte del piacere risiede nella forza, una forza orientata al movimento.

8. Azione.

Soltanto e solo l’azione produce i risultati. Muoviti dai tuoi principi etici, principi universali e naturali, preferisci chiedere perdono più che permesso. Niente ti può fermare, preferisci l’azione all’attesa delle condizioni e delle circostanze ideali.

E ricorda, non dispiacerti per te stesso! Non drammatizzare mai ogni cosa che accade!

Le persone fuggono dalle persone che trasmettono negatività, abbandonano i lamentosi e chi si piange addosso, gli oscuri, i malvagi profeti di sventura.

A nessuno piace avere la propria felicità offuscata. Lasciati coinvolgere e diffondi gioia.