La paura è parte integrante della vita.

A prescindere dai miti, non esiste nessun essere umano che non abbia le paure. Tutti le incontriamo continuamente sul nostro cammino nel viaggio della vita e non è possibile evitarle. Ognuno ne ha di diverse, e diverse sono nei vari periodi che attraversiamo mentre siamo impegnati in questa avventura chiamata vita.

Alcune paure sono fisiologiche, riguardano la sicurezza personale, il sentimento del pericolo, e servono a preservarci dagli incidenti evitabili, e quindi sono a dir poco utili, oltre che giustificate. Se non provassimo alcun tipo di timore nelle situazioni pericolose, potremmo commettere delle imprudenze fatali, esporre la vita o la salute (nostra o altrui) al serio pericolo.

Ci sono anche le paure che non corrispondono a nessuna situazione precisa: paure vaghe, irragionevoli, paure di avvenimenti che potrebbero eventualmente prodursi, ma che appaiono poco probabili; paura di una malattia che non si è assolutamente manifestata, paura della morte di una persona cara che è in piena salute. Queste paure sono assai più numerose, e sono la fonte di problemi per la maggioranza delle persone. In realtà, la maggioranza delle nostre paure nel corso della vita sono di questo tipo: le potremmo definire ingiustificate.

Gran parte delle paure dell’uomo moderno sono infondate. Si annidano in ogni angolo dell’esistenza e la invadono progressivamente. In quel senso la paura diventa una forza negativa.

A prescindere dal fatto se giustificate o meno, tutte le paure giocano un ruolo enorme nel processo evolutivo. La loro funzione principale è quella di essere affrontate e superate. Ed il solo fatto di farlo, produce un salto evolutivo.

Sta ad ogni individuo fare i conti con le proprie paure: la stessa paura può essere usata per evolvere o per diventare stagnante nella realtà (vedi l’articolo sulla zona di comfort).

La cosa importante da sapere è che la paura è una forza controllabile. Crescerà e diminuirà a seconda di come si pensa e sente attraverso la vita.

È importante innanzitutto non evitare la paura, ma dovrebbe essere manifesta. È molto importante ammettere a se stessi di avere paura di qualcosa.

Affrontarla direttamente ed esaminare le sue caratteristiche. Dopo un esame attento, si può capire che spesso sono le nostre insicurezze che le alimentano facendole crescere di più.

La paura ha solo il potere le si dà. Che le diamo noi personalmente, e nessun altro. La maggior parte delle esperienze spaventose sono una creazione dei nostri pensieri nei confronti di una situazione che si sta svolgendo. Ma possiamo fermare la caduta di energia e vedere che è possibile superare il dilemma che ci assilla.

Possiamo decidere di diminuire le immagini che si creano nella nostra mente. Molto spesso, così facendo, si potrebbe scoprire che la paura non è poi così difficile. Vedere con chiarezza aiuta a ridimensionare le paure e rispondere adeguatamente.

Ognuno di noi ha l’opportunità di scoprire e superare le proprie paure, attraverso gli eventi in cui siamo coinvolti, le persone che incontriamo, le sfide che ci si parano davanti, le decisioni da prendere, scelte da fare, nuove emozioni suscitate.

Siano essi reali o immaginari, l’elemento di coraggio è necessario per superare gli ostacoli che rappresenta la paura.

Le paure sono esattamente questo: gli ostacoli. Dietro ogni ostacolo che incontriamo nella vita si nasconde una nostra paura. L’errore che facciamo troppo spesso è quello di fermarci all’ostacolo, considerandolo esclusivamente esteriore e dichiarandolo magari anche impossibile di rimuovere. Ma se ci facciamo qualche domanda in più, e soprattutto se rispondiamo sinceramente, ci si svela il suo vero volto: una nostra paura. Affrontandola, l’ostacolo si ridimensiona o scompare del tutto. È possibile fare i progressi anche facendo inversamente: partire dall’azione per rimuovere l’ostacolo per trovarsi, quasi senza accorgersene, con una paura in meno.

È importante prima di tutto avere un pensiero chiaro, non permettendo alle immagini di prendere piede all’interno della psiche. Un momento difficile (che abbiamo creato noi, che ci crediate o no) può essere superato dal nostro atteggiamento di essere centrati e coraggiosi.

Possiamo decidere di scavare in profondità per la semplice volontà di essere coraggiosi. Scegliere di agire con forza positiva, neutralizzando così la paura. Sì, il coraggio è un atto di volontà. Come lo è il perdono.

La paura ci segue fino a quando non le viene detto di lasciarci, e lo possiamo dire solo noi stessi (anche se qualcuno ci incoraggia, siamo sempre noi a dare il “la”). La paura nutre la tensione all’interno, provocando il caos al nostro vissuto esteriore.

Il coraggio è vivo e vegeto dentro ognuno di noi. Nessuno ne è senza. È una potente qualità personale, che può essere nutrita e allenata (esattamente allo stesso modo in cui nutriamo e alleniamo le nostre paure). Il coraggio può crescere o diminuire, a seconda del nostro atteggiamento e le scelte che facciamo. Possiamo essere pieni di paure o pieni di coraggio.

Con l’intenzione solida possiamo creare tranquillità e facilitare l’espressione di coraggio. Spetta a noi farlo.

Azione positiva, non la reazione timorosa. Ti saluto con la canzone “il coraggio che non c’è” di Laura Pausini, sentila sino alla fine!

La paura e il coraggio
5 (100%) 1 vote
CHIUDI
CLOSE
Share This